Videogiochi,TV e gli altri cattivoni che ci hanno fatto diventare dei mostri assetati di sangue

img_20140629_192358
A wild onigiri appears

Interrompiamo le trasmissioni per fare un po’di sano spam.
Ma anche no.
Quello che trovate qui è il testo di una nota che io e il mio compagno abbiamo scritto in risposta all’annoso problema che, periodicamente, riciccia fuori sulle pagine della stampa nostrana.

È d’uopo un’introduzione.
Il trend dura da anni e lo conosciamo tutti anche troppo bene.
Se un under 35 commette un delitto o un atto di vandalismo, la colpa è di *inserire media proclamato diseducativo a furor di popolo*
Ci siamo passati tutti: noi millenials eravamo debosciati per colpa di *televisione cattiva maestra!!!!1!*.
Negli anni ’80-90, a fuorviare le giovani menti c’erano i *giochi di ruolo*- sì, avete capito bene; se qualcuno si macchiava di un delitto, si facevano oscure allusioni alla sua passione per Dungeons & Dragons.
Un fattore rilevante per delineare il quadro criminologico dell’individuo?
Scusate la citazione: io non credo!


Poi, è stata la volta dei cartoni- soprattutto quelli giapponesi.
Mi ricordo ancora un articolo che parlava di come Sailor Moon insegnasse la violenza per via degli occhi troppo dilatati e inespressivi delle sue protagoniste.

4aea868bc67b7ea1131831a9d1ff5f82
Jackie Uranus, da Pinterest

Oggi, sul banco degli imputati sono loro, i videogiochi; refugium peccatorum di ogni più bieco sessismo, promotori di comportamenti asociali se non delittuosi, templi della violenza giovanile, ecc. ecc.

Ecchissenefrega di quei poveri tapini che ci giocano, anche se hanno una vita sessuale completa, affetti, relazioni e un lavoro: invariabilmente, se giochi, “è meglio la figa” (fermi tutti, e come si fa se a me la figa non piace? “Boh, arrangiati“) “sei uno sfigato“, “vivi in un mondo virtuale“, “ai miei tempi giocavamo con gli stivaletti malesi e la vergine di ferro“, “con la pallacorda non siamo cresciuti dei killer seriali“.

robespierre-approves

Beh, non so voi, ma io mi sono stufata di sentirmi dire da giornali notiziari e ggente varia che sono sfigata e che ho una vita vuota.
Ecco perché ho scritto questa nota a quattro mani.
Che vi devo dire?
Torno a citare- concedetemelo: “Condividi se sei inca***to“. LOL.

Bonus track: pubblicherò la nota a breve sul sito, acciocché tutta la plebe ne possa trarre sollazzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...